Recensione Libro: Un posto chiamato Qui- Cecelia Ahern

Risultati immagini per un posto chiamato qui

Buonasera e bentornato su questo blog. (Ho volutamente messo il singolare perché: sei l’unica persona che sta leggendo! Ciao mamma! :P)

Torno a parlare di un libro, nuovamente di Cecelia Ahern perché, beh io adoro Cecelia Ahern.

Un posto chiamato Qui è un romanzo che, al pari di “Grazie dei ricordi” o “Se tu mi vedessi ora” sempre della Ahern, ha un pizzico di magia e stravaganza. 

Trama:

Da quando una sua compagna di classe, anni prima, è scomparsa nel nulla, la protagonista è ossessionata dall’idea di perdere cose e persone: per questo è perennemente in fuga dai legami, siano l’affetto di genitori o l’amore del suo analista. Forse per questo ha deciso di dedicare la propria vita a cercare persone scomparse, offrendo ai familiari disperati un barlume di speranza. Poco prima di incontrare un uomo che da un anno non ha più notizie del fratello, scompare però anche lei: mentre fa jogging imbocca un sentiero poco tracciato in un bosco sconosciuto, e si ritrova in un luogo magico e reale al tempo stesso. Un posto chiamato Qui, dove finiscono tutte le cose e le persone che si sono smarrite, tutte le sensazioni, le voci, i suoni e gli odori che sono stati dimenticati. Un mondo parallelo dove Sandy ritrova i propri oggetti perduti e le persone che ha cercato per tutta la vita, dimenticando di cercare se stessa. E ora, lontana dai propri cari e dalla casa da cui per tanti anni è fuggita, Sandy vuole disperatamente una sola cosa: escogitare il modo per tornare indietro. Per la prima volta in vita sua è lei che vuole essere trovata.

Le mie impressioni

Appena ho finito di leggere questo libro, erano le 2 di notte e il giorno dopo dovevo lavorare, mi è mancato subito. Vi è mai capitato di avere voglia di finire il libro tutto in una volta ma allo stesso tempo non volerlo assolutamente finire per non rimanerne senza? Ecco a me è capitato con questo.
Sandy ha un disturbo ossessivo compulsivo è già solo per questo l’ho amata dal primo istante, vuoi per la mia passione per la psichiatria e vuoi perché anche io sono un po’ ossessiva 😛 Una donna alla continua ricerca di qualcosa, di qualcuno o di se stessa che viene catapultata in un mondo parallelo, un posto dove finiscono tutte le cose e persone smarrite! Ecco solo una persona con una fantasia fuori dal comune poteva ideare un’idea del genere.
Se in “Se tu mi vedessi ora” che come idea era geniale ma poi purtroppo la Ahern ha fatto un piccolo scivolone a parer mio (è quello che mi è piaciuto meno) qui si è ripresa alla grande perché ha saputo rendere la narrazione scorrevole, intrigante e a tratti rilassante. Un libro ideale per staccare dallo stress lavorativo e perdersi, perdersi insieme ai calzini in lavatrice, le persone scomparse e ai diari segreti.
Un romanzo al confine tra fantasia e realtà che mi è piaciuto molto, a me che i fantasy non li reggo molto! Una fiaba moderna ❤

 

ps se sei passato di cui, mi lasci un segno del tuo passaggio? 🙂

 

Buone letture
Alessandra
Ale&Ale ❤

Annunci

3 pensieri su “Recensione Libro: Un posto chiamato Qui- Cecelia Ahern

  1. ciao, sono passata di qui!
    Quando si parla di libri ci sono (quasi) sempre, non conoscevo la scrittrice, ma la tua recensione mi ha fatto venire voglia di conoscerla leggendola.
    Anche a me succede spessissimo di non voler mollare il libro, ma, nel contempo, di temere che mollandolo ne sentirei la mancanza.
    A presto
    bibi2

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...