Recensione Libro: La Finestra

img-20170218-wa0003

Le mie impressioni.

Stranamente non ho trovato una trama su internet e quando scrivo la recensione ho già riconsegnato il libro in biblioteca quindi vi riassumo brevemente io la trama.

La Finestra di Mario soldati è ambientato a Londra dove il protagonista torna dopo vent’anni per incontrare la sua amica di vecchia data Twinkle, della quale è innamorato da tempo.
Spera di poter passare la vecchiaia insieme a lei e che questa volta lei lo corrisponda. Ma al suo arrivo un’ombra dal passato di Twinkle torna e i due si ritrovano sulle tracce dell’uomo che Twinkle non vede da 20 anni e non ha mai smesso di amare.
Quest’uomo, Gino Petrucci, un giorno è scappato dalla finestra e da allora Twinkle non ha pace.

Se non fosse stato per le challenge di letture alla quale sto partecipando (le trovate QUI) non avrei mai preso in considerazione questo romanzo ed invece mi sono dovuta ricredere.
Il racconto è molto scorrevole, scritto in prima persona coinvolge il lettore e mi ci sono voluti appena due giorni per finirlo. Se non fossi stata stanca ci avrei messo una sera per leggerlo tutto.
Ultimamente non è stato facile ritagliarmi del tempo per leggerlo ma, complice la breve durata e la modalità di scrittura, ho divorato questo romanzo.
E’ stato inevitabile avere subito un legame col protagonista, e narratore, anche se non è sempre stato facile definire lui come protagonista. A volte mi è sembrato che la storia fosse più incentrata sull’amica che su di lui o più probabilmente sui sentimenti che vivono in tutto il libro. I veri protagonisti sono stati quindi proprio loro: i sentimenti.
I personaggi sono originali e molto intriganti così come il racconto, misterioso, credibile e interessante.
Spesso mi sono trovata a compatire i protagonisti, soprattutto le donne del libro, dominate da un amore folle, irrazionale e ai limite del buon senso. Prima su tutte Twinkle che continua ad amare, dopo vent’anni, un uomo che avuto il coraggio di scappare per la paura di restare, un uomo incapace di amare, o forse che ama in un modo tutto suo?
Mi ha stupita questo amore, perché per me incomprensibile, quasi ossessivo, un’ossessione più che un sentimento puro.

Consiglio di leggere la prefazione alla fine per non rivelarsi alcune parti del racconto.

Mi è piaciuto veramente molto e penso che leggerò qualcos’altro di questo autore prima o poi!

 

Buone letture!
Alessandra
Ale&Ale ❤

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...